Capital markets italia, Indici di borsa principali italia, calendario economico settimanale Italia, i temi dei mercati finanziari, l ‘attività degli hedge fund, ristrutturazioni aziendali, informazione finanziaria italia, mercati dei capitali, migliori blog di finanza italia, Mercati finanziari e borsa italia, Crisi economica notizie italia, Convertitore di valuta italia @capmarkets.it

  • Sun, Aug 2017

Carl Icahn: AIG è troppo grande, va divisa in tre parti

Posted In Activism - By Manager on Tuesday, November 3rd, 2015 With No Comments »

03 novembre 2015 – L’investitore attivista Carl Icahn è tornato alla carica, questa volta rivelando tramite un Tweet di aver acquisito una grossa partecipazione nel colosso assicurativo AIG e di aver inviato una lettera al CEO del gruppo Peter Hancock.

Nella lettera, Icahn ha attaccato AIG dichiarando che “la società continua ad avere una performance peggiore rispetto alla concorrenza ed i sempre più alti oneri normativi non faranno altro che erodere ulteriormente la sua posizione competitiva”.

L’investitore attivista si dice convinto che “AIG dovrebbe immediatamente dividersi in tre nuove società” e “attuare un necessario programma di taglio dei costi”. Della stessa opinione sarebbe anche l’investitore e gestore di Hedge Fund John Paulson, che stima un potenziale prezzo delle azioni fino a $100, contro i circa $60 attuali.

Icahn starebbe facendo pressione sul management, in quanto “nonostante il piano di vendita degli asset non strategici, AIG è troppo grande”. La compagnia assicurativa dovrebbe quindi dividersi in tre nuove società quotate, una prima attiva nel ramo assicurazioni per danni ed infortuni, una seconda che offra assicurazioni sulla vita, ed una terza legata all’assicurazione di mutui. In questo modo, “le tre divisioni saranno più focalizzate nel loro business, più efficienti e genereranno migliori ritorni” e di conseguenza “avranno una più alta valutazione di mercato” rispetto alla sola AIG.

Inoltre, “a causa delle dimensioni della società” le autorità di sorveglianza americane considerano AIG un’istituzione finanziaria il cui fallimento potrebbe generare una nuova crisi finanziaria, e richiedono per questo un più elevato requisito patrimoniale. Le tre nuove entità quindi “dovranno essere piccole abbastanza da poter avere un minor requisito patrimoniale”

Ad oggi il titolo ha reagito con un rialzo di quasi il 5% rispetto al prezzo prima dell’annuncio pari a $60.92.

Dario Faiella – Research Analyst

Email: info@capmarkets.it

About -